7 Buoni motivi per iniziare a fare podcast

i motivi per iniziare a fare podcast

Sono tantissimi i motivi per iniziare a fare un podcast e ognuno di noi ha una ragione specifica che lo ha spinto a realizzare il suo primo podcast.

Nel caso in cui non lo hai ancora fatto, possono invece essere molteplici le ragioni per invogliarti ad intraprendere questa nuova avventura. 

Photo by Hector Ramon Perez on Unsplash

In tutto il mondo, si stanno creando ogni giorno comunità di podcaster sempre più ampie. Una tendenza che va di pari passo con la crescente popolarità di questo nuovo modo di comunicare attraverso la voce.

Anche noi abbiamo creato la community italiana che conta ormai numerosi appassionati di podcast tra i suoi iscritti e che cresce costantemente ogni giorno.

Di seguito, cercheremo di capire quali sono i principali fattori che portano le persone a divenire dei podcaster. Ma soprattutto:

Quali sono i 7 buoni motivi per iniziare a fare podcast?


“Avevo voglia di creare un rapporto sincero con gli ascoltatori, ma mi vergognavo di apparire in video”

 

Questa prima testimonianza di una podcaster della nostra community ci permette di sottolineare alcune caratteristiche essenziali del podcast.

Le modalità di consumo del podcast, che sia tramite gli auricolari oppure tramite l’impianto stereo della macchina, rendono l’esperienza di ascolto del podcast intima, privata e personale.

L’ascolto della voce narrante direttamente nelle proprie orecchie genera un forte senso di connessione. Viene ad instaurarsi un legame molto profondo e intimo tra produttore e ascoltatore.

Al tempo stesso, la condivisione degli interessi (tra il produttore del podcast e le persone che lo ascoltano) crea un forte senso di comunità. Il podcast è quindi sia personale, nella modalità di ascolto, sia comunitario, nella capacità di creare atmosfere solidali e informali intorno ad un tema, dando vita a nuovi confronti.

Il podcast è in grado di creare dei legami fantastici, perché gli ascoltatori spenderanno ore e ore con la tua voce nelle loro orecchie. E alla fine dell’ascolto sembrerà loro di conoscerti da sempre.

Se il video cattura l’attenzione di vista e udito, il podcast è basato esclusivamente sull’ascolto. Tuttavia, la mancanza delle immagini non è una caratteristica negativa. Ci permette, infatti, di dare libero sfogo alla nostra immaginazione e creatività. Con il podcast, abbiamo la libertà di concepire secondo la nostra fantasia la vicenda che ci viene raccontata.

Inoltre, dal punto di vista dei produttori e autori, la mancanza dell’immagine può significare non vergognarsi e non provare imbarazzo nel doversi vedere inquadrati in camera.

Insomma, un motivo per iniziare a fare podcast è quello di instaurare un legame intimo con i propri ascoltatori, utilizzando esclusivamente la propria voce senza doversi preoccupare dell’immagine.


“Faccio podcast perché la radio mi limita”

Per molti anni si è parlato di podcast come un fratello minore della radio. In realtà, paragonare la radio al podcast è un po’ come paragonare il cinema alla televisione.

Sicuramente le regole cinematografiche hanno influenzato le produzioni televisive, tuttavia si tratta di due media indubbiamente distinti. Così il podcast, il quale rende omaggio alla radio e ne è influenzato, ma non ne è un sinonimo.

Photo by Jonathan Farber on Unsplash

 

La flessibilità dell’ascolto e la minore ingerenza di un controllo editoriale e formale rendono il podcast un medium più culturalmente urgente rispetto alla radio dei giorni nostri.

Tra i motivi per iniziare a fare podcast c’è quindi la possibilità di parlare liberamente dei propri interessi e di non essere limitati da palinsesti stringenti.

Il podcast, per alcuni, è anche considerato come un buon trampolino di lancio per il mondo della radio. Permette infatti di fare esperienza con lo storytelling e di prendere confidenza con il formato audio.

Infine, il podcast è nella maggioranza dei casi una forma lunga di narrazione che permette, proprio per la sua natura, approfondimenti e lo svilupparsi di uno storytelling avvincente.

Insomma, un motivo per iniziare a fare podcast è la libertà di parlare in maniera approfondita dei nostri interessi e delle nostre passioni e di fare esperienza con il formato audio per poi magari un giorno tentare la scalata alla radio.

“Come quando ascolti i Rolling Stones e ti viene voglia di comprare una chitarra e fare la stessa cosa”

Per molti podcaster o aspiranti tali, il desiderio di fare podcast deriva dalla voglia di imitare ed emulare un qualcosa che gli è piaciuto moltissimo.

Ti è mai capitato di voler iniziare qualcosa perché sei rimasto affascinato da altre persone che già lo facevano?

Il formato podcast visse il suo salto di qualità nel 2014 con la pubblicazione di “Serial”. “Serial” rappresenta per questo medium ciò che un film come “Psyco” di Alfred Hitchcock rappresenta per il cinema o un album come “Thriller” di Michael Jackson per la musica. E’ infatti un contenuto di altissima qualità che è stato in grado di dare una propria specificità e delle proprie caratteristiche peculiari a questo medium.

Quando ascolti un contenuto di grande valore, a parte provare un sentimento di competizione per non averlo fatto tu, ti assale la voglia di imitarlo ed emularlo. Proprio come quando ascolti i Rolling Stones e vorresti comprare una chitarra per riprodurre quello che sanno fare loro.

Photo by Mattia Ascenzo on Unsplash

 

Sono sempre di più le persone che fanno podcast e aumentano quindi i contenuti di valore presenti nei vari cataloghi. L’ascolto di podcast costruiti magistralmente e narrati in maniera superba diviene una fonte di ispirazione per moltissimi podcaster in tutto il mondo.

Nella nostra community di podcaster troverai tantissime persone che come te hanno iniziato o hanno voglia di iniziare la loro personale avventura con il mondo dei podcast.

“Faccio podcast perché voglio rendere un argomento impegnativo alla portata di tutti”

Il podcast viene spesso scelto perché è in grado di rendere argomenti molto difficili e ostici alla portata di tutti.

Un ottimo esempio in tal senso è il podcast “Finanza Amichevole” che riesce a rendere il mondo della finanza comprensibile da parte di tutti.

Anche per questo motivo, il podcast sta divenendo uno strumento sempre più utilizzato nella comunicazione interna delle aziende. Invece di seguire video-corsi che spesso possono risultare lunghi e troppo tecnici, il podcast permette di avere una formazione “tascabile”, senza tempo né spazio. Puoi, infatti, ascoltarlo quando vuoi e dove vuoi.

Inoltre, la sua natura di medium intimo e informale facilita spiegazioni che siano comprensibili, nonostante la possibile complessità dei diversi argomenti.

Questa caratteristica dei podcast comincia ad essere notata anche a livello accademico e universitario. Sono sempre di più le scuole e le università che inseriscono il podcast tra gli strumenti da utilizzare per l’apprendimento e la formazione.

Stai inoltre certo che non importa quale sia la tua passione o interesse, perché troverai sempre un podcast che fa al caso tuo e una platea di persone pronte ad ascoltarti.

Il podcast è quindi in grado di rendere lo specifico universale e di creare una “piazza” virtuale in cui ci sia spazio per tutti, anche per le nicchie e per le più singolari forme di interesse culturale.

Questa caratteristica del podcast rende il rapporto tra produttori e ascoltatori basato sul principio dell’inclusività. Nel podcast c’è spazio per gli approfondimenti e per riflettere a lungo su una tematica di cui si è appassionati.

Fare podcast per comunicare passioni ed interessi

Il podcast nasce da un desiderio e un’urgenza molto forte: quella di comunicare. La voglia di parlare degli argomenti che più ci interessano oppure il desiderio di raccontare delle storie per intrattenere le persone.

A prescindere dal genere di podcast, che sia informativo, di intrattenimento o scientifico, un elemento li accomuna: la forte passione.

Siamo invasi, al giorno d’oggi, di social o strumenti che ci permettono di sviluppare il nostro lato estetico con foto spettacolari o video divertenti. Ma il podcast fa qualcosa in più: ci permette di parlare, di comunicare e di essere ascoltati per questo.

E’ un prodotto che va in controtendenza rispetto alla sovrabbondanza di immagini che caratterizza il mondo digitale. Una controtendenza che in realtà sta divenendo sempre più una tendenza e che avvicina le persone tra di loro grazie al solo utilizzo della parola.

Se poi la tua passione è quelle di raccontare delle storie, il podcast ti permette di esplorare le caratteristiche dell’audio a 360 gradi e in tutte le sue forme: il suono delle parole e della narrazione ma anche quello delle note ad accompagnare il racconto e a stimolare l’immaginazione. Questo rende il podcast un’esperienza profonda e molto stimolante.

Fare podcast come forma di personal branding

Se pensi che solo Instagram o Facebook ti diano la possibilità di fare personal branding in maniera efficace, ti stai sbagliando!

Il podcast, infatti, ti garantisce una platea di ascoltatori e una community che presenta dei livelli di attenzione e di engagement più alti rispetto ad altri formati e rispetto ai social media. Numerose ricerche dimostrano infatti che una percentuale molto alta di ascoltatori arrivano alla fine di una puntata del podcast, mentre nel video tendenzialmente è molto più difficile raggiungere questo obiettivo.

Avere un pubblico più attivo e interessato ti darà la possibilità di farti conoscere meglio e in maniera più approfondita. E non solo, anche di attirare un target solitamente più propenso a passare dalla fase di consideration a quella di decision e quindi all’azione.

In un mondo social basato sull’istante, con il podcast è più facile che realizzerai delle narrazioni che sapranno rimanere impresse nella mente degli utenti e che ti permetteranno di approfondire meglio la tua visione, i tuoi ideali e il tuo tipo di comunicazione.

Inoltre, non si può dimenticare il fatto che il podcast può essere distribuito su piattaforme che sono composte da milioni di utenti come Spotify e Apple iTunes, creando quindi per te una vetrina di visibilità davvero notevole.

Infine, oggi il podcast non ha ancora i livelli di competizione tipici degli altri social. E non ha quindi una tale quantità di contenuti da rendere la scelta degli utenti quasi paralizzante. Questa caratteristica rende il podcast un buon terreno per tutti coloro che vogliono fare personal branding.

“Volevo riuscire a monetizzare con una mia passione”

Infine, non si può nascondere che il podcast possa essere anche un modo di monetizzare con le proprie passioni.

Creando dei prodotti di qualità e un pubblico di riferimento di ascoltatori, potrai anche arrivare al punto di guadagnare dalle tue passioni.

Non c’è modo migliore di utilizzare il podcast come fonte di guadagno, semplicemente divertendosi e facendo quello che ti piace.

Se poi sei particolarmente bravo, il podcast può divenire anche una vetrina delle tue capacità. In un momento in cui nascono sempre più realtà di podcasting anche in Italia, potrai persino essere contattato per entrare a far parte del loro team di creazione podcast.

Conclusione

Questi sono solo alcuni dei motivi che potrebbero spingerti ad iniziare un podcast. Oppure se ne hai già fatto uno, a continuare a realizzarne.

Ora sta a te cimentarti con questo modo di comunicare che sa essere intimo e coinvolgente al tempo stesso. 

Photo by Danielle MacInnes on Unsplash

Se ti senti pronto ad iniziare questa avventura, nella nostra community troverai moltissimi podcaster che sapranno consigliarti nella realizzazione del tuo podcast. Se vuoi farci sapere quale è stata la ragione per cui hai iniziato a fare podcast o che ti spinge a realizzarne uno, commenta qui sotto!

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
2018-FestivalPodcasting-0334-(2)

La community di Podcasters più grande d'Italia

In Podcast community Italia, troverai podcasters, produttori, tecnici, speaker, ma soprattutto appassionati della voce come strumento e opportunità di relazione. Nel gruppo, tutti insieme, ci aiutiamo nella realizzazione dei nostri podcast condividendo consigli, dubbi ed idee. Siamo nati nel 2018 dopo il primo festival del podcasting, con il desiderio di riportare online lo stesso spirito di collaborazione vissuto dal vivo. In breve tempo siamo diventati la community più grande ed attiva d’Italia e tutto questo grazie a persone come te, appassionati e curiosi che credono nel podcast e nelle sue opportunità. La community ti aspetta!

Lascia un commento

Leggi anche